Spedizioni gratuite per acquisti superiori ai €49.

Ho avuto un'idea!

Tempo di lettura: 3 minuti

Il gioco creativo oltre il giocattolo

Giocare è sinonimo di imparare, di divertimento, di invenzione e molto altro.

 Ma perché il/la mio/a bambino/a che ha mille giocattoli predilige giocare con ciò che trova in casa e che magari abbiamo chiuso in un magazzino perché da gettare nelle immondizie? Ha la cameretta piena di giocattoli e si lamenta che non sa con cosa giocare. Perché?

Perché non sempre ciò che per noi adulti è bellissimo e divertentissimo lo è anche per il/la bambino/a. Molto spesso quando un adulto deve acquistare un giocattolo cerca di comprare qualcosa che abbia mille funzioni, che suoni, che parli, che si muova, che parli in italiano, in inglese e se ci sono anche, numeri, colori, paesaggi, disegni è ancora meglio! Quando il/la bambino/a riceve un giocattolo nuovo lo guarda, lo esplora, in un primo momento è anche felice ma dopo qualche attimo ha già spostato l’attenzione su altro. 

 

Perché mio figlio/a si stanca presto dei giocattoli appena ricevuti?

Succede che a volte giocattoli multifunzionali, giocattoli super sofisticati, super elaborati non siano funzionali al divertimento del/la vostro/a bambino/a. Perché il/la bambino/a infatti possa imparare a inventare, perché sia incuriosito/a dal sapere cosa succede se ad esempio schiaccia quel pulsante, e perché possa sperimentare l’emozione e la motivazione che spinge a scoprire quel giocattolo, deve avere oggetti semplici che lascino spazio alla sua creatività, che non prevedano già tutte le mosse, le azioni che lui/lei può fare. La sua mente si sta formando, si forma con le esperienze e crea, e si diverte con le sue creazioni. Ha bisogno di essere libero/a di giocare per poter essere creativo/a e far diventare uno scatolone una automobile di F1, un rotolo di carta igienica un gelato squisito, una semplicissima tazzina un caffè da offrire a mamma o papà. Il gioco, il giocattolo prendono vita solo se c’è un/a bambino/a che gioca, ecco perché non servono giocattoli supersonici per far divertire un/a bambino/a, un giocattolo prende vita con l’immaginazione e la creatività di un/a bambino/a. Noi adulti tendiamo a far rientrare tutto in schemi mentali precostituiti, ma per i/le bambini/e non è così, per noi adulti una scopa serve per pulire, per un/a bambino/a può diventare una moto velocissima.

 

E allora quali giochi far fare ai/alle bambini/e per dar spazio alla loro creatività? Quali giocattoli regalare o proporre?

Tutti quelli che rispondono alla parola semplicità. Più essenziali, più semplici sono più opportunità di gioco offrono. Il gioco prende la forma del pensiero, del bisogno di quel specifico momento in cui il/la bambino/a sta giocando. Un’esperienza positiva, un desiderio rimasto inevaso, un sogno da realizzare può prendere vita nel gioco.

Ricordiamoci che inventare, giocare significa anche smontare, rompere. Quando gli oggetti cadono, rotolano, si spezzano insegnano al/alla bambino/a elementi fondamentali della fisica, della materia. Inventare, costruire permette di apprendere dalle proprie azioni. Fare e disfare, sbagliare e riprovare, montare e smontare richiede oltre che fantasia anche attenzione, percezione, memoria, concentrazione, problem solving, ragionamento logico e tanto altro ancora.

Costruire permette di sviluppare molto la creatività e capiamo dunque che il gioco delle costruzioni è molto importante nello sviluppo del/della bambino/a, ma si può costruire un ambiente, un’azione, un lavoro e per far questo servono diversi giocattoli che evochino emozioni, che costruiscano ricordi e che diano spazio alla fantasia e alla creatività di ciascun/a bambino/a.

 

 Cosa facciamo noi adulti dopo aver proposto un nuovo gioco o giocattolo?

I/Le bambini/e vanno incoraggiati/e attraverso il gioco ad esprimere se stessi/e e non va mai giudicata una loro realizzazione. La creatività non si esprime allo stesso modo in tutti/e i/le bambini/e, ma certamente il gioco contribuisce a creare opportunità di espressione, di conoscenza di sé e dell’altro. Perché questo accada è necessario che l’adulto dia molta libertà di espressione al/alla bambino/a: colorare, correre, ballare, cantare, costruire…tutto è importante per potenziare la creatività.

Ma ricordiamoci che i/le nostri/e figli/e non sono il nostro prolungamento, sono persone uniche pertanto non imponetegli le vostre passioni o ciò che piace a voi o ancora non chiedetegli di riprodurre necessariamente qualcosa di reale. Essere creativi significa utilizzare un gioco in modo originale.

E quando il/la vostro/a bambino/a vi dice “ho avuto un’idea!” imparate a stupirvi con lui/lei. Imparate ad ascoltarlo/a, a farvi raccontare, meravigliatevi e riscoprite insieme a lui/lei le emozioni che nascono dal gioco creativo e conoscete e vivete a pieno le emozioni che nascono dall’accompagnare i/le vostri/e bambini/e a creare, inventare e crescere!

Post più vecchio
Novità
Chiudi (esc)

iscriviti alla nostra newsletter

Potrai conoscere in anteprima tutte le novità del mondo Clementoni e ricevere un coupon sconto del 10% sul tuo primo acquisto.

Privacy e cookie policy

Age verification

By clicking enter you are verifying that you are old enough to consume alcohol.

Cerca

Menu principale

Carrello

Il tuo carrello è vuoto.
Acquista subito