Spedizioni gratuite per acquisti superiori ai €49. Clicca qui per informazioni sul richiamo dei prodotti

Ho tolto il pannolino!

Tempo di lettura: 3 minuti
Come e quando togliere il pannolino
Diciamolo subito: questo sì che è un bel passaggio verso l’essere “grandi”. Poter dire addio al pannolino include una serie di abilità che per noi adulti è scontata, ma per i/le bimbi/e invece appare più complessa o meglio risulta da acquisire, ma nei tempi giusti e soprattutto nelle modalità più consone per loro. In questa situazione spesso si sentono genitori che fanno confronti, sottolineando magari come quel bambino o quella bambina, figlio/a di amici e conoscenti, abbia impiegato solo tre giorni mentre il/la proprio/a figlio/a, dopo ripetuti tentativi, ancora non riesce a trattenere lo stimolo sfinterico.
La prima cosa da tenere in mente è che non è necessario andare in ansia, poiché tutti/e i/le bimbi/e prima o poi toglieranno il pannolino, per cui di conseguenza si può star tranquilli.

Quando togliere il pannolino?
I pediatri consigliano di aiutare il/la bimbo/a a fare i propri bisogni sul water o sul vasino nel lasso di tempo fra i 30 e i 36 mesi. Ogni bambino/a ovviamente ha i suoi tempi, in alcune occasioni si potrebbero addirittura notare dei segnali “anticipatori” che fanno suppore una certa “prontezza” all’eliminazione del pannolino, addirittura precedente ai due anni e mezzo, ma in linea generale forzare tanto prima tale passaggio risulta superfluo e senza senso. Questo risiede nel fatto che, per fare ciò, è necessario che il/la bambino/a abbia in qualche modo acquisito la sensibilità allo stimolo sfinterico, cosa che procede di pari passo con uno sviluppo generale (neurologico, motorio e cognitivo) che attraversa tappe di acquisizione che hanno tempi e modalità di apprendimento in qualche modo determinate dall’età dei/lle bimbi/e. Occorre quindi rispettare la naturale maturazione fisiologica di ognuno di loro, poiché qualcuno riuscirà a due anni e mezzo e qualcun altro magari a tre anni e mezzo, generalmente a quattro anni la maggior parte dei/lle bimbi/e ha acquisito agevolmente il controllo dei propri bisogni.
Di solito un buon momento è l’estate precedente all’ingresso dei/lle vostri/e figli/e alla scuola materna, dalla quale generalmente è richiesta una certa autonomia da questo punto di vista. L’estate poi facilita molti aspetti: si hanno meno panni addosso per cui i/le bimbi/e hanno più facilità nel trovare una concreta autonomia nello spogliarsi e nel vestirsi prima e dopo i bisogni. Lavare ed asciugare mutandine, calzoncini e gonne risulta molto più agevole poiché il sole fa la sua parte al meglio ed avere più ricambi a portata di mano fa affrontare in modo più agevole eventuali “incidenti di percorso”.
Detto ciò permane la regola: ogni nucleo familiare si organizza come e quando vuole, rispettando però i tempi di maturazione fisiologica del/la proprio/a bambino/a.

Quali sono i segnali che fanno presupporre che il/la bambino/a è pronto/a a togliere il pannolino?
Poter osservare il/la proprio/a bambino/a è sicuramente un’arma vincente, dovete fare caso soprattutto alle seguenti situazioni:
  • il/la vostro bimbo/a “segnala” a voi adulti che sta per fare la pipì o qualche bisogno? Magari mette le mani sul pannolino e vi chiama e dice “pipì”, oppure se deve fare la cacca e di solito si mette in un suo angolino a farla, vi dice che sta andando proprio in quel suo posticino privato;
  • capita sempre più spesso che il pannolino di vostro/a figlio/a rimanga asciutto per un tempo più prolungato nell’arco della giornata;
  • capita che il pannolino del pisolino pomeridiano sia sempre più spesso asciutto, così come quello della nanna notturna;
  • appena fa ad esempio la pipì vi segnala che ha bisogno di cambiarsi perché comincia a dargli/le fastidio la sensazione di bagnato;
  • quando voi grandi andate in bagno vi segue e sembra interessato/a a capire dove vanno a finire i bisogni, oppure vi chiede perché serve quel rotolo speciale di carta igienica oppure è particolarmente incuriosito/a e attento/a alle vostre azioni.

Se avete dunque notato queste situazioni potete cominciare a pensare di organizzarvi per togliere il pannolino al/la vostro/a bimbo/a.

Come togliere il pannolino?
  • Scegliete prima di tutto un periodo relativamente tranquillo sia per i/le vostri/e bimbi/e che per voi ed organizzatevi tenendo conto che sarebbe meglio individuare anche tre o quattro giorni continuativi in cui almeno uno dei genitori è più presente fisicamente a casa; evitate di cominciare questa tappa mentre ci sono altri cambiamenti salienti per la vostra famiglia.
  • Vestite i/le vostri/e bimbi/e con un abbigliamento comodo, pratico e leggero, debbono potersi vestire e svestire da soli/e.
  • Potete scegliere insieme ai/lle vostri/e figli/e un vasino per fare i bisogni e decidere di comune accordo dove metterlo, potete acquistare anche un riduttore per il water (ce ne sono diversi tipi, alcuni anche con delle maniglie laterali per permettere ai/lle bimbi/e di tenersi) e un “gradino” per salire agevolmente sopra il riduttore, poi spiegate loro a che cosa serve tutta questa attrezzatura. Coinvolgeteli con questa fase: “Questo è il vasino per fare la pipì e la cacca come i grandi! Vedi è tutto colorato, prova a sederti, vedi come si sta comodi?”
  • Se siete decisi a togliere il pannolino non demordete ai primi insuccessi, ma se vedete che per qualche motivo il/la vostro/a bimbo/a non è pronto/a, non forzate mai questo passaggio: esso deve avvenire in maniera naturale.
  • Per la prima volta potete mettere il/la vostro/a bimbo/a sul vasino e aspettare che faccia i propri bisogni e nel frattempo rendete tutto divertente e sereno, potete utilizzare dei libretti da leggere o raccontare una storiella inventata da voi. Se riesce a fare la pipì lodatelo/a e fate a lui o lei tanti complimenti, altrimenti senza sconforto e soprattutto mostrando assoluta tranquillità, riprovate altre volte nei giorni successivi.
  • Uno strumento sempre utile per i/le bambini/e è il gioco, potete giocare ad esempio a chi sente per primo il rumore della pipì che scende nel vasino, oppure fate finta di toccare un ipotetico bottone che aziona la pipì…inventate ciò che volete purché per vostro/a figlio/a sia divertente.
  • Siate pazienti nei probabili lavaggi frequenti e non fateli pesare.
  • Se vedete che di notte il pannolino rimane asciutto potete toglierlo anche la sera (generalmente il controllo sfinterico notturno si acquisisce un po’ più tardi, anche se alcuni/e bimbi/e riescono a farlo quasi subito agevolmente senza troppi problemi), utilizzate magari una traversina di plastica per evitare di rovinare il materasso:
  • Prendete l’abitudine di mettere i/le vostri/e bimbi/e sul vasino o sul riduttore prima della nanna e/o dopo pranzo, cercate cioè di individuare quei momenti, che a parere vostro sono i più probabili nell’arco della giornata per l’emissione dei loro bisogni.
  • Acquistate insieme degli slip, fate scegliere loro il colore e fatene magari una buona scorta!

Il segreto di questo passaggio sta nel sostenere l’acquisizione del controllo sfinterico in maniera serena e giocosa e se non dovessero bastare i famosi “tre giorni” del/lla/a figlio/a dei vostri amici, non vi preoccupate, magari ce ne vorranno un po’ di più, ma otterrete sicuramente il risultato sperato.
Post più vecchio
Novità
Chiudi (esc)

iscriviti alla nostra newsletter

Potrai conoscere in anteprima tutte le novità del mondo Clementoni e ricevere un coupon sconto del 10% sul tuo primo acquisto.

Privacy e cookie policy

Age verification

By clicking enter you are verifying that you are old enough to consume alcohol.

Cerca

Menu principale

Carrello

Il tuo carrello è vuoto.
Acquista subito