Spedizioni gratuite per ordini superiori a €49. Clicca qui per informazioni sul richiamo dei prodotti.

I capricci

Tempo di lettura: 3 minuti

Che cosa sono e come gestirli

Vi sarà capitato di vedere a volte bambini/e buttarsi per terra e strillare oppure sbattere i piedi per terra o ancora piangere disperati/e perché magari volevano assolutamente mangiare un altro gelato oppure rimanere più tempo ai giardinetti o perché non volevano mettere il giubbetto. Da spettatori esterni avremmo detto che essi/e stavano proprio “facendo dei gran capricci”.

Ma che cosa sono i capricci? Esistono veramente come sfide ribelli verso i propri genitori?

Qualche volta possiamo aver sentito dei genitori dire, riferendosi ai propri figli/e: “Quel comportamento lì lo fa apposta, sa che mi dà fastidio e mi fa uscire dai gangheri e lui/lei mi provoca proprio in quel modo, sembra addirittura che mi guardi un po’ di nascosto per sfidarmi”.
In realtà quello che si nasconde dietro ad un comportamento capriccioso è ben altro.
Ovviamente si parla di bimbi/e dai due anni in su, cioè individui capaci di cominciare ad esprimere preferenze, attitudini, voglie e desideri e che per alcuni aspetti, anche ludici e comportamentali, hanno iniziato a sperimentare una certa autonomia.
Pensiamo ad una ipotetica scena, tipica, di un/a bambino/a di due anni: lui/lei sta giocando a casa di amici/amiche, è ora di andare via e quindi di salutare i/le compagni/e e le loro famiglie e lui/lei non ha la minima intenzione di indossare ad esempio il giubbetto per uscire, continua a giocare, non risponde ai vostri richiami, voi dovete andar via poiché avete un appuntamento dopo quindi c’è una certa fretta e cominciate a spazientirvi, lui/lei però come se non sentisse ragione, non vuole indossare nulla nonostante voi siate lì sopra pronti ad inserire le maniche. A quel punto lui/lei vi strappa il giubbetto dalle mani, lo lancia lontano e comincia a strillare e a piangere, nel frattempo si è fatto molto tardi e voi non potete più attendere oltre quindi prendete il/la vostro/a bimbo/a in braccio e, con una certa risolutezza, lo/la portate via urlante e piangente.


Quello che possiamo intuire è che “il capriccio” di non mettere il giubbetto in realtà non riguardava prettamente il capo di abbigliamento, ma molto probabilmente risiedeva nel fatto che lui/lei non volesse lasciare il gioco e i suoi/e compagni/e, quindi la non capacità di espressione di tutte le sensazioni percepite di tristezza e amarezza (per l’abbandono del campo da gioco) ha fatto sì che lui/lei esplodesse in un attacco di rabbia (esso stesso incontrollabile).

Da questo si può intuire che dietro ad ogni capriccio in realtà si nasconde sempre un bisogno che il/la bambino/a fa fatica ad esprimere a parole. Questa incapacità è fisiologica poiché l’abilità di comunicazione delle proprie emozioni, e la loro regolazione, è qualcosa che si acquisisce gradatamente, attraverso l’esperienza e i modelli comportamentali degli adulti di riferimento.

Cosa possono fare allora i genitori per gestire i capricci dei/lle propri/e figli/e?

  • In primis è necessario pensare al capriccio come ad un messaggio in codice, cioè esso è, nello stesso tempo, un segnale ed una richiesta di aiuto: il/la bambino/a avverte una necessità che però da solo/a non riesce a gestire, percepisce un disagio al quale non sa dare parole quindi lo dimostra con un comportamento “ribelle”. Ha bisogno di un adulto che lo aiuti a districarsi nelle emozioni e nei pensieri che sente. Se l’adulto fosse concentrato solo a far smettere la scenata capricciosa invierebbe, anche se in buona fede, un messaggio di questo tipo: “Non ho capito che bisogno hai e non ti posso aiutare”.
  • L’adulto ha un ruolo centrale nella gestione dei capricci proprio nella misura in cui riesce a decifrare il bisogno che è alla base del comportamento del/la bambino/a. Questo è possibile farlo solo se il genitore osserva molto bene il/la proprio/a figlio/a, se capta magari dei segnali premonitori evidenti come stanchezza, fatica nel gestire una situazione nuova o paura di determinate esperienze.
  • Altro aspetto cruciale è dato dal gestire, da parte del genitore, lo scoppio di rabbia nell’immediato: prima cosa da fare è riuscire a mantenere una certa tranquillità (nonostante i tempi magari serrati, la “figuraccia” in pubblico e la fatica stessa di papà e mamma), l’obiettivo è quello di disinnescare, cioè fare in modo che il/la bambino/a già attivato e carico di suo, non si trovi di fronte un adulto altrettanto agitato, altrimenti, in questo modo, infatti, la bomba scoppierebbe di sicuro. Bisogna trovare quindi delle modalità di disinnesco efficienti: mantenere la calma, porsi in un atteggiamento di comprensione e non di giudizio, far sentire la vicinanza, sia fisica (prenderlo/a in braccio, una carezza, una coccola se i/le bimbi/e sono disposti/e) che emotiva (“mamma ha capito che forse sei tanto stanco, guarda sono qui vicino, dimmi cosa c’è”)
  • Un ulteriore passaggio è dato dal prestito di parole: visto che i/le bambini/le, soprattutto quelli/e più piccoli/e non hanno ancora un linguaggio emotivo sviluppato ed idoneo è necessario che il genitore presti delle parole alle sensazioni ed emozioni avvertite dal/la proprio/a figlio/a: “Mi vuoi dire che sei tanto arrabbiato? Hai paura di questa cosa? Sei triste perché andiamo via e non puoi restare a giocare con Il tuo amico? Sei troppo stanco/a per andare a trovare gli zii?”. La capacità di tradurre in parole ciò che viene segnalato con il corpo dal bambino/a è fondamentale.
  • Inutile porre tanti ragionamenti quando i/le bimbi/e sono molto attivati/e e nel pieno dello scoppio di rabbia, non riuscirebbero a sentire le parole da voi, meglio prima accogliere e porsi in ascolto di quel famoso bisogno celato dietro al capriccio che spiegare razionalmente ciò che è sbagliato, questo troverà posto in un secondo momento.
  • Le regole ovviamente vanno date e debbono essere condivise da mamma e papà (anche perché i/le bimbi/e sono furbi/e, fanno presto infatti ad andare a chiedere permesso solo a chi pensano possa accordarlo!). I genitori debbono essere capaci poi di mantenere le stesse regole chiare, poche ma ben definite, in modo che i/le figli/e sappiano bene entro quale ambito muoversi.
  • Voi genitori per primi parlate con un linguaggio emotivo, nella vostra famiglia potete fin da subito utilizzare termini che rientrano nella sfera delle emozioni, delle sensazioni e percezioni: “oggi sono arrabbiato perché mi è capitato questo, sono triste, sono scoraggiato, ma anche sono stanco, ho paura”. I/le bimbi/e, come si sa, hanno le antenne e apprendono per imitazione, per cui se prendono familiarità con questi termini sicuramente avranno maggiori probabilità, durante il corso del loro sviluppo, di accedere ad essi e potranno ricorrere alle parole quando sono in difficoltà piuttosto che a comportamenti complicati.


Non fatevi quindi spaventare dai capricci, considerateli come dei messaggi criptati che hanno bisogno di tutta la vostra attenzione per essere svelati.

Post più vecchio
Novità
Chiudi (esc)

iscriviti alla nostra newsletter

Potrai conoscere in anteprima tutte le novità del mondo Clementoni e ricevere un coupon sconto del 10% sul tuo primo acquisto.

Privacy e cookie policy

Age verification

By clicking enter you are verifying that you are old enough to consume alcohol.

Cerca

Menu principale

Carrello

Il tuo carrello è vuoto.
Acquista subito