Spedizioni gratuite per acquisti superiori ai €49. Clicca qui per informazioni sul richiamo dei prodotti

Il gioco del cucù

Tempo di lettura: 3 minuti
Uno strumento di crescita tra scienza e divertimento 
Jean Piaget, uno dei più autorevoli studiosi della psicologia dello sviluppo del secolo scorso, definiva l’intelligenza come “una delle massime forme di adattamento all’ambiente” e se ci pensiamo bene è proprio questo il compito evolutivo di un/a bambino/a: scoprire il mondo in cui vive, trovando le strategie più funzionali per poter interagire nel contesto familiare e sociale in cui è inserito, nel modo più sano ed organizzato possibile.

Piaget pertanto aveva individuato diverse fasi dello sviluppo dell’intelligenza, partendo dalla nascita fino all’adolescenza, la prima di queste è quella definita “senso-motoria” che comprende la fascia di età 0-2 anni: in questi 24 mesi ci sono tanti cambiamenti, si passa dall’eseguire schemi motori riflessi e molto semplici ad azioni mirate ad uno scopo, dall’ascoltare voci e suoni alla produzione di un linguaggio proprio e dalla semplice esplorazione dei giochini alla manipolazione complessa e strutturata degli stessi.
Voi genitori sapete bene quanto sia bello e coinvolgente assistere ogni giorno ad una conquista diversa: fare ciao con la manina, riuscire a camminare, pronunciare le prime parole rappresentano momenti che si ricordano nel tempo e che sono carichi di emozione.
Spesso i progressi evolutivi sono favoriti dal gioco, anche quello condiviso con gli adulti (attività assolutamente fondamentale e preferita dai bambini che permette loro di sperimentare abilità diverse): uno di questi è il gioco del cucù.
Perché è così importante il gioco del cucù?
Il gioco è veramente una “cosa seria” e quello del cucù ne è un esempio.
È ormai tramandato da tantissimo tempo, è semplice nella sua esecuzione, ma tutt’altro che banale: ci si mette di fronte al/la bambino/a, l’adulto si copre il volto con le mani, “sparisce” agli occhi del/la piccolo/a per qualche secondo e poi ricompare! Di solito i/le bimbi/e sono molto attenti/e, aspettano incuriositi/e che l’adulto ricompaia e poi esplodono in una risata.
Dietro a tutto questo c’è una conquista evolutiva fondamentale: è quella che viene definita come “permanenza dell’oggetto” e cioè la capacità del/la bambino/a, dagli 8 mesi in poi, di apprendere che le cose (e le persone in futuro) continuano ad esistere anche quando visivamente non le vedono vicine.
Se a questa età voi genitori infatti prendete un giochino e lo nascondete sotto una coperta, vedrete che il/la vostro/a bimbo/a andrà a tirare su la stoffa e lo riprenderà in mano tutto/a soddisfatto/a (e molto probabilmente ve lo restituirà facendovi capire di ripetere la sequenza ancora una volta). Se replicate lo stesso gioco con vostro/a figlio/a quando ha cinque mesi, potrete vedere, invece, che vi guarderà con aria perplessa, ai suoi occhi il giochino è di fatto scomparso dalla vista e quindi non esiste più, per cui non lo cercherà neanche.

Riuscire a comprendere che gli oggetti esistono al di là della percezione momentanea permette al bambino/a di vivere un’esperienza basilare anche da un altro punto di vista: lui o lei cominceranno a rapportarsi con quella sensazione di separazione da un oggetto o da una persona ed impareranno a tollerare momentaneamente che ad esempio “sparisca” un giochino oppure che per qualche secondo non ci sia più il viso della mamma o del papà.
Spariscono dagli occhi, ma rimangono impressi nella mente e nel cuore del/la bambino/a e questo è fondamentale per affrontare quella che in futuro verrà chiamata ansia da separazione.
Se il/la bambino, dunque, attraverso il gioco del cucù, comincia a sperimentare la tolleranza alla separazione da qualcosa o qualcuno che per lui/lei è importante, riuscirà anche nel futuro, probabilmente, a reggere l’ansia e la frustrazione quando si separerà temporaneamente dai voi genitori (ad esempio quando deve andare all’asilo o rimanere a casa mentre voi andate al lavoro), lo farà senza troppe scenate e comprenderà che come “spariscono” momentaneamente gli oggetti e poi ritornano, così sarà anche per le persone, per cui, dopo un periodo di separazione, sarà fiducioso che poi, alla fine della giornata, potrà riabbracciare papà e mamma senza grossi problemi.  
Come divertirsi insieme con il gioco del cucù?
Il gioco base è la modalità classica descritta sopra, ma si possono attuare delle modifiche, via via più complesse e divertenti:

- il viso dell’adulto può essere coperto parzialmente dalle mani, ma può nascondersi anche totalmente, magari dietro ad un libro, un piatto, una scatola, una maglia e voi genitori potreste chiedere in tono scherzoso “Ma dov’è finita mamma, dove si è nascosto papà?”
Vedrete che il/la vostro/a si sporgerà per ritrovarvi e tirerà via l’oggetto che sta tra di voi, con aria sicuramente soddisfatta!

- Potete anche alternare i ruoli: prima siete voi che nascondete il viso con le mani, poi fate in modo che lo facciano i/le vostri/e figli/e…i/le più furbetti/e rimarranno nascosti/e per molto tempo perché si divertono un mondo a sentire voi mentre li/le state cercando!

- Altra modalità divertente, da fare quando i bimbi sono un po’ più grandi, è quella in cui voi genitori non nascondete solo il viso, ma vi fate vedere mentre magari andate in un’altra stanza e da lì chiedete ai vostri cuccioli di trovarvi (all’inizio parlate sempre, in modo che non si sentano soli, poi quando avranno capito il gioco potrete anche stare in silenzio), li vedrete curiosissimi gattonare o camminare nella vostra direzione, appena vi troveranno ci sarà un grande abbraccio e si ricomincerà da capo, magari facendo nascondere loro!

Sarà divertente anche giocare con tutta la famiglia: di solito i/le bimbi/e si divertono un mondo a scovare non solo voi genitori, ma anche i fratelli o le sorelle appostati/e dietro ad ogni porta di casa!Spazio quindi al gioco del cucù, al movimento e al divertimento!
Post più vecchio
Novità
Chiudi (esc)

iscriviti alla nostra newsletter

Potrai conoscere in anteprima tutte le novità del mondo Clementoni e ricevere un coupon sconto del 10% sul tuo primo acquisto.

Privacy e cookie policy

Age verification

By clicking enter you are verifying that you are old enough to consume alcohol.

Cerca

Menu principale

Carrello

Il tuo carrello è vuoto.
Acquista subito