Spedizioni gratuite per acquisti superiori ai €49. Clicca qui per informazioni sul richiamo dei prodotti

Il sonno nei/nelle bambini/e

Tempo di lettura: 4 minuti
Come funziona e quanto dovrebbero dormire
Il sonno è veramente una faccenda seria! Lo è per tutti, dai piccolissimi alle persone più mature.
Non è semplicemente chiudere gli occhi e aspettare che arrivi l’ora del risveglio: nell’arco di tempo che intercorre tra questi due momenti succedono tante cose, a nostra insaputa è vero, ma così importanti che la Natura ha deciso bene di regalare ai/lle neonati/e tantissime ore di sonno, e se Lei ha deciso così, sicuramente ci sono ottime ragioni.
Proviamo a spiegarci meglio.
Quanto dorme un/a bambino/a?
Uno dei pensieri dei futuri neo genitori è il seguente: “Ci farà dormire il/la nostro/a bambino/a?”.
Domanda legittima, ma che richiede alcune riflessioni. I/Le bambini/e alla nascita hanno un ritmo circadiano (ritmo fisiologico che include, tra altri aspetti, anche le fasi di sonno e veglia) completamente diverso dall’adulto, quest’ultimo infatti ormai ha stabilizzato il suo di ritmo che di solito coincide con il dormire di notte e lo stare sveglio di giorno. Nella pancia della mamma il/la bambino/a era abituato/a a riposare con una tempistica tutta sua, quindi una volta venuto/a al
mondo deve adattarsi alle nuove fasi di luce e di notte e questa alternanza è qualcosa che si acquisisce con la crescita e con il tempo. Bisogna inoltre considerare che nei/lle bimbi/e si ha un sonno polifasico, cioè vengono intervallati più rapidamente periodi di attività a quelli di riposo, in genere nel primo mese ci sono pisolini più brevi e più ravvicinati che si alternano con le poppate, i cambi e con i momenti di interazione con l’adulto.
Può capitare che il/la bambino/a si svegli fino a due o tre volte di notte e che di giorno faccia altri tre pisolini.
Un/a neonato/a quindi dorme tantissimo, pensate che nell’arco di 24 ore ne può dormire 16 e questo rimane più o meno stabile fino a metà anno. Ovviamente va considerata la specificità di ogni bambino/a, il suo temperamento e le sue caratteristiche, per cui se ne possono trovare alcuni/e che dormono
moltissimo e altri/e che invece riposano meno.
Una certa regolarità dell’alternanza delle fasi di sonno-veglia comincia a evidenziarsi dopo i tre mesi, di solito, infatti, entro i sei mesi, in concomitanza anche con lo svezzamento, il/la bambino/a regolarizza il suo riposo e i suoi
pisolini diurni: in genere sono tre, mattutino, post prandiale e tardo pomeriggio, il primo ed il terzo di solito scompaiono prima, mentre il secondo può rimanere fino a tre/quattro anni, cioè fino all’inserimento nella scuola dell’infanzia.
Nel secondo anno di vita in genere i/le bimbi/e dormono complessivamente sulle 12/13 ore e più crescono e più questo lasso di tempo diminuirà anche perché gli stimoli sociali, di crescita e di sviluppo richiedono loro sempre più
attenzione e partecipazione alla vita diurna.
Come è il sonno dei/lle bambini/e?
Il sonno dei/lle bambini/e è simile nella struttura a quello degli adulti, ma qualitativamente diverso: esso è caratterizzato per piccoli e grandi da cicli continui, in ognuno di essi si alternano due fasi: REM (sonno per certi aspetti più leggero e deputato ad eventuali sogni) e N-REM (sonno più profondo).
Nei/lle bimbi/e piccoli/e ogni ciclo dura circa 45 minuti, mentre nell’adulto 90 e alla fine di ognuno si verificano dei microrisvegli, che per noi grandi possono essere anche inconsapevoli, mentre per il/la bambino/a possono rappresentare
un vero momento di “sveglia” nel quale lui o lei ha bisogno dell’interazione con l’adulto per poter terminare la propria “quota” di sonno.
Per questo motivo i/le piccolissimi/e si svegliano più frequentemente anche di notte ed avvertono proprio la necessità di sentire qualcuno di fidato, vicino a loro, che li/e tranquillizzi e li/e riporti nella fase del riposo. Altro aspetto rilevante
è determinato dal fatto che la maggior parte del sonno dei/lle bimbi/e (al contrario da quello degli adulti) è rappresentato dalla fase REM.
Come abbiamo specificato sopra è il tipo di riposo più leggero e questo serve in Natura poiché, visto che il/la bimbo/a piccolo/a ancora non è indipendente, se ha bisogno di qualcosa (sente caldo, ha sete, ha fame, qualche fastidio fisico)
ha più facilità di svegliarsi per chiedere aiuto e attirare l’attenzione del proprio genitore: questo rappresenta un segnale di allarme primordiale, determinato dalla spinta alla sopravvivenza e per la conservazione di sé.
Altra ragione per cui i/le bimbi/e dormono molto riguarda il fatto che durante il sonno avvengono molti processi: maturazione del sistema cerebrale, aumento della funzionalità del sistema immunitario, recupero delle energie per affrontare il nuovo giorno, rinforzo e memorizzazione delle conoscenze apprese durante la giornata trascorsa, eliminazione di quegli stimoli che sono ritenuti superflui o ridondanti per la crescita e recupero fisico e mentale di giornate molto impegnative (ad esempio se il/la bimbo/a è stato/a poco bene può verificarsi che dorma di più proprio per riconquistare parte del suo benessere).
Come accompagnare il sonno nei/lle bambini/e?
- Ciò che risulta fondamentale è prima di tutto seguire i tempi dei/lle vostri/e bimbi/e. Non occorre svegliarli/le mentre dormono, soprattutto se molto piccoli/e, evidentemente in quel momento hanno bisogno di riposarsi, per tutte le ragioni che ci siamo detti sopra.

- L’importanza dei rituali è fondamentale: nei primi mesi spesso capita che il/la bambino/a si addormenti attaccandosi al seno, il quale fornisce sì latte, ma anche conforto, calore e tranquillità, aspetti questi che inducono il sonno. Qualora questo momento non sia presente, per tutta una serie di motivazioni e situazioni familiari o perché non si allatta più, è importante che si instauri un rituale di addormentamento: individuare cioè una serie di azioni condivise che possono preparare il/la vostro/a bambino/a alla nanna, cantare una ninna nanna o una filastrocca (meglio se già l’aveva sentita quando era in pancia), il bagnetto, il massaggio neonatale, gli abbracci e le carezze che cullano, leggere una favola, stropicciare il proprio peluche preferito o il vecchio pigiama della mamma o del babbo possono rappresentare alcuni esempi.
Ogni coppia bambino-caregiver ha il suo rituale, non ne esiste uno meglio di un altro, l’importante è che sia sempre lo stesso, questo non solo dà sicurezza al/la vostro/a bimbo/a permettendogli/le di lasciarsi andare in un sonno ristoratore, ma rappresenta generalmente uno dei momenti più intimi e calorosi della quotidianità.

- Assolutamente banditi tablet e smartphone con video o giochini prima della nanna, il cervello registrerebbe che è il momento di attivarsi e non di rilassarsi!

- L’ambiente prima della nanna deve essere calmo, magari luci un po’ più mitigate, parlate con un tono di voce calmo, se volete un po’ di musica sarebbe preferibile a basso volume, genere classica o comunque rilassante. Prima di dormire il/la bambino/a ha bisogno di sentirsi al sicuro e tranquillo/a, l’ambiente esterno dovrebbe favorire e rispecchiare queste sensazioni.

- Cercate di mantenere una regolarità quotidiana sui suoi orari, non solo quello in cui si va a letto, ma anche quello relativo al mangiare, al gioco, alle uscite col passeggino, questo favorirà una stabilità del suo ritmo circadiano.

- Possibilmente vostro/a figlio/a dovrebbe addormentarsi nel luogo dove poi resterà tutta la notte (questo è possibile maggiormente dai quattro/cinque mesi in poi) poiché in questo modo, durante i suoi microrisvegli, troverà lo stesso ambiente che aveva lasciato all’inizio della nanna e non uno diverso, in questo modo non si troverà spaesato/a nella fase del ri-addormentamento.

- Durante i microrisvegli notturni i/le vostri/e bimbi/e, se non hanno fame, hanno bisogno spesso di essere tranquillizzati/e e rassicurati/e, basta a volte che sentano solo la vostra voce, una parte della ninna nanna o un contatto con voi per sentirsi coccolati e rasserenati.
Post più vecchio
Novità
Chiudi (esc)

iscriviti alla nostra newsletter

Potrai conoscere in anteprima tutte le novità del mondo Clementoni e ricevere un coupon sconto del 10% sul tuo primo acquisto.

Privacy e cookie policy

Age verification

By clicking enter you are verifying that you are old enough to consume alcohol.

Cerca

Menu principale

Carrello

Il tuo carrello è vuoto.
Acquista subito