Spedizioni gratuite per acquisti superiori ai €49. Per ordini ricevuti entro il 16.12, la consegna è garantita il 23.12 // Carta regalo omaggio ad ogni acquisto // Clicca qui per informazioni sul richiamo dei prodotti.

Si parte!

Tempo di lettura: 3 minuti

Concedersi del tempo per le vacanze in famiglia

Generalmente l’estate è la stagione preferita dai/lle bambini/e, sono terminati gli impegni scolastici e quindi si può avere più tempo per sé, per gli amici e la famiglia. Ci sono i giochi al mare, le uscite con i gelati pomeridiani e la sera si va a dormire più tardi perché si torna di fuori a passeggiare per incontrare i/le compagni/e delle avventure estive.
Non è solo questione di divertimento, ma anche di riposo e di recupero di tutto ciò che durante l’anno scolastico si è un po’ perso. I ritmi della scuola, lo sport, gli impegni lavorativi di papà e mamma rendono i mesi più freschi più “concentrati”, avere così la possibilità di un break risulta davvero importante.
La parola vacanza mette già di per sé gioia, poterla programmare e condividere con i/le figli/e consente di proiettarsi mentalmente in libertà. Ovvio è che più i/le bimbi/e sono piccoli e meno ci sarà la possibilità di farli intervenire attivamente all’organizzazione della vacanza, ma renderli partecipi ad esempio di cosa mettere in valigia o attivarli nel darvi una mano nella pianificazione dei preparativi è sicuramente positivo.

Cosa vuol dire essere in vacanza?
Bisogna prima di tutto specificare che ogni famiglia ha il proprio concetto di vacanza, al di là delle preferenze geografiche (mare, montagne o città), quello che cambia sono le aspettative, cosa si cerca nel periodo delle ferie e cosa si vorrebbe ottenere al ritorno dalle stesse.
Potersi concedere qualche giorno di riposo o divertimento con il/la proprio/a bambino/a assume una valenza diversa in base a ciò che vi aspettate, più vostro/a figlio/a è piccolo/a e maggiormente dovete essere attenti a organizzare qualcosa che possa rispettare le sue esigenze, i suoi ritmi e necessità.
Ci sono però due fattori comuni che sottendono ogni tipo di vacanza e cioè la disponibilità e il tempo; questi ci sono sia che riusciate ad andare qualche giorno fuori sia che rimaniate a casa.
Proviamo a spiegarci meglio.

Quello che “fa bene” della vacanza in realtà, soprattutto per un/a bambino/a piccolo/a non è tanto il luogo (ovvio è che se voi o vostro/a figlio/a amate particolarmente il mare o la montagna, andare in uno di questi posti avrà il suo vantaggio), ma lo spazio-tempo che gli/le concederete nei giorni che trascorrerete insieme. Avere papà, mamma, fratelli e sorelle disponibili per tutto il giorno ha il suo valore: poter condividere nello stesso tempo un’esperienza, dalla più semplice “passeggiata” alla sosta al parco giochi, fino alla visita di una bella città permette di creare un’esperienza condivisa importantissima. Primo fra tutto perché non ci sono orari e regole da seguire come durante l’anno e i tempi sono per fortuna più dilatati, in secondo luogo perché, di solito i genitori in vacanza sono più disponibili a buttarsi in giochi, avventure e sfide giocose, terzo perché ogni esperienza fatta insieme garantisce un mattone di ricordi che possono essere in futuro ripresi, rinarrati e ripercorsi nella mente, tanto da ricreare nello stesso istante quel clima di benessere che li aveva generati. Ognuno ne ricorderà un pezzetto, verranno memorizzate le espressioni emotive, non solo le parole, per cui papà e mamme con visi rilassati in vacanza costituiscono un buon bagaglio visivo mnemonico per i/le loro figli/e.
Spesso alcuni genitori riferiscono che in vacanza il/la proprio/a bimbo/a è riuscito/a magari a togliere il pannolino, oppure ha mosso i primi passi, può aver conquistato confidenza con l’acqua o magari aver appreso nuovi termini e movimenti, come prendere il latte sulla tazza o girare gli spaghetti con la forchetta. Il/la bimbo/a in vacanza ha sicuramente nuove opportunità per potersi mettere in gioco.

Se la vacanza è considerata quindi come un’apertura all’esperienza e alla possibilità di usufruire in maniera partecipativa di nuovi stimoli essa sarà sicuramente molto positiva, se invece l’obiettivo e soprattutto le speranze, convergono esclusivamente sul trovare qualcosa di magnifico (ottimo posto, meraviglioso hotel, clima perfetto), allora essa perde la maggior parte del valore, poiché si potrebbe rimanere delusi dalle alte aspettative e perché si rischia di perdere la mission principale della vacanza in famiglia e cioè essere in vacanza con se stessi e con gli altri.
Vuol dire quindi lasciare da parte il lavoro, le mail, il telefono e l’orologio, una sorta di libertà da tutti quei vincoli organizzativi che necessariamente sono presenti durante la maggior parte dell’anno. I/Le bimbi/e amano molto la libertà ed intesa in questo senso si può ben dire che sia una “sana libertà” da ricercare e da proporre.

Qualche spunto pratico per la vacanza in famiglia

  • Le vacanze sono contemplate anche per bambini di pochi mesi: sotto alcuni aspetti se la mamma allatta non avete il problema di portarvi dietro merendine o altro, il latte sarà sufficiente per tutto, se invece c’è l’allattamento artificiale basta che vi organizziate con un biberon pronto di acqua e uno sterilizzatore.
  • Genitori, mettevi “in gioco”! Se avete difficoltà potete chiedere direttamente agli esperti in materia: i/le vostri/e bimbi/e
  • Per vacanza si intende ciò che fa stare bene tutta la vostra famiglia per cui ampio ventaglio di scelte, inclusi giorni di assoluto relax dove e come volete, l’importante è siate insieme.
  • La vacanza può rappresentare un buon periodo per leggere qualcosa ai/alle vostri/e bimbi/e, si può cominciare fin da piccolissimi, ci sono libri adatti ad ogni età, anche per coloro che hanno pochi mesi!
  • Lasciate che i/le vostri/e bimbi/e sperimentino un nuovo ambiente, la vacanza può essere utilizzata anche per dare più autonomia e fiducia (ovviamente per bambini/e più grandicelli/e che magari possono fare un giretto da soli/e nella struttura ricettiva e poi tornare da voi)

Godete di tutto il tempo che trascorrerete insieme alla vostra famiglia e pensate che i/le vostri/e bimbi/e non ricorderanno primariamente i luoghi di villeggiatura, ma ciò che hanno sperimentato e gustato con voi e la vostra famiglia proprio in quel periodo, quindi buon relax e divertimento a tutti voi!

 

Post più vecchio
Novità
Chiudi (esc)

iscriviti alla nostra newsletter

Potrai conoscere in anteprima tutte le novità del mondo Clementoni e ricevere un coupon sconto del 10% sul tuo primo acquisto.

Privacy e cookie policy

Age verification

By clicking enter you are verifying that you are old enough to consume alcohol.

Cerca

Menu principale

Carrello

Il tuo carrello è vuoto.
Acquista subito